Per rendervi partecipi delle nostre attività, nei mesi passati, vi avevamo indicato la lettura di alcuni  testi  utilizzati nei nostri corsi, utili per un approfondimento personale. La cosa ha avuto un buon riscontro e molti lettori de “ La Settimana”  ci hanno scritto invitandoci a suggerire altre letture.

Visto il contesto storico e culturale in cui viviamo, che ci chiama ad una profonda riflessione etico-morale sulla vita del cristiano, oggi vi proponiamo la lettura di uno dei testi base del corso di Teologia Morale I:

INTRODUZIONE ALLA TEOLOGIA MORALE, di Michele Aramini, Giuffrè Editore ,terza edizione.

Tra i molti manuali di introduzione alla teologia morale, quest’opera si distingue per chiarezza di linguaggio e semplicità del percorso concettuale, ed è adatta anche per tutti quei lettori che si avvicinano per la prima volta allo studio della teologia morale.

Il testo si articola in dieci capitoli; dopo un primo capitolo di chiarificazione dell’identità della teologia morale, si affronta lo studio della crisi della morale nel mondo contemporaneo e successivamente si ascolta la tradizione cristiana e il messaggio morale della Bibbia.

In seguito vengono trattati quei concetti fondamentali necessari per esprimere l’esperienza morale dell’uomo e del cristiano: atto morale, virtù, legge, libertà, coscienza, colpa, comandamento, legge divina, peccato, conversione, carità e imitazione di Cristo.

L’autore di questo libro, Michele Aramini, è docente di Teologia III e IV presso l’università Cattolica del Sacro Cuore. È autore di numerosi saggi di bioetica.

 

Articolo degli studenti della SDFT

Pubblicato su “La Settimana” del  22 gennaio 2012