Discipline del III anno

SACRA SCRITTURA III (24 ore)
prof.ssa suor M. Cristina Caracciolo (smr)

Finalità generali

Il corso si propone di offrire una visione generale sulla letteratura giovannea, sulle lettere paoline e sulle lettere cattoliche, soffermandosi e approfondendo alcuni brani scelti a titolo esemplificativo.

Obiettivi specifici

Per quanto riguarda il IV Vangelo sarà offerta una panoramica storico-letteraria e un approfondimento di alcuni testi, che permetteranno allo studente di avere tra le mani alcune chiavi interpretative per aprire il prezioso scrigno della teologia e della spiritualità del IV Vangelo, detto dalla tradizione “Vangelo Secondo Giovanni”.

Sarà affrontata l’illustrazione generale delle tre lettere attribuite dalla tradizione a Giovanni e saranno presi in esame alcuni passi specifici.

Verrà inquadrato storicamente e letterariamente il libro dell’Apocalisse, presentando alcuni passi particolarmente significativi che aiuteranno lo studente a inoltrarsi in questo ricco giardino di metafore da decodificare. Tenendo conto del taglio ecclesiale del III anno, lo studente potrà essere coinvolto nella lettura di questo testo biblico la cui destinataria è l’Ekklesía.

Per quanto concerne la letteratura paolina sarà introdotta la figura di Paolo di Tarso: la sua storia, la sua personalità e alcune caratteristiche delle sue lettere, per passare alla lettura esegetica di alcuni passi dai quali emerge la sua teologia. Saranno prese in considerazione anche le lettere dette deutero-paoline.

Blocchi tematici e contenuti

Il programma si articolerà pertanto in tre parti:

1)  Corpus Iohanneum (IV Vangelo; 1 e 2 Giovanni; Apocalisse).

  Introduzione al IV Vangelo ed esegesi di alcuni passi.

  Introduzione alle due lettere di Giovanni ed esegesi di un passo.

   Sguardo panoramico sul libro dell’Apocalisse.

2)  Corpus Paulinum (Lettere paoline)

Ritratto esistenziale-teologico di Paolo di Tarso e introduzione generale alle lettere proto-     paoline e deutero-paoline.

3)   Lettere cattoliche (1 e 2 Pietro; Giacomo; Giuda).[1]

      Introduzione generale alle lettere cattoliche.

Bibliografia

Della Corte E., Lo sposo crocifisso. Da Cana alla croce nel IV Vangelo, Artetetra, Capua 2019

Grasso, S., Il vangelo di Giovanni, Città Nuova, Roma 2008;

Léon-Dufour X., Lettura del vangelo secondo Giovanni (voll. I-IV), Ed Paoline, Cinisello Balsamo, 1990-1998.

Maggioni, B., Il racconto di Giovanni, Cittadella, Assisi 2006.

Moloney, F.J., Il vangelo di Giovanni, Sacra Pagina, LDC, Torino 2007.

Smoens, Y., Secondo Giovanni. Una traduzione e un’interpretazione, Dehoniane, Bologna 2000.

Wengst, K., Il vangelo di Giovanni, Queriniana, Brescia 2005.

Martin A., Le lettere di Giovanni, Messaggero, Padova 2015.

Simoens Y., Le tre lettere di Giovanni. Credere per amare, una traduzione e un’interpretazione, Dehoniane, Bologna 2012.

Doglio, C., Apocalisse di Giovanni, Dabar – Logos – Parola, Messaggero Padova, 2005.

Vanni, U., Apocalisse, LoB 2.15, Queriniana, 19906.

Fabris R. – Romanello S.,  Introduzione alla lettura di Paolo, Borla, Roma 2006

  1. Et Alii(ed.), Lettere paoline e altre lettere, LDC, Torino, 1995.

Maggioni B. – Manzi F. (a cura di), Lettere di Paolo, Cittadella, Assisi 2005.

 

TEOLOGIA DOGMATICA II (24 ore)
Ecclesiologia
prof. don Fabio Moscato


Finalità Generali
Introdurre nel mistero della Chiesa, sposa di Cristo e creatura dello Spirito Santo.


Obiettivi Specifici
Il corso si prefigge di illustrare il mistero della Chiesa, il suo essere realtà complessa, le proprietà che la caratterizzano, la missione che la anima, l’orizzonte escatologico verso cui tende e la struttura e le istituzioni che ne regolano la vita.

Blocchi Tematici
Dopo un’introduzione mirante a inquadrare le questioni di fondo che sollecitano il discorso teologico sulla Chiesa, assumendo come fondamento l’impostazione e gli apporti del Concilio Vaticano II, ci si sofferma su:
• Il mistero della Chiesa.
• La Chiesa opera della Trinità.
• Le proprietà della Chiesa:
Una, santa, cattolica e apostolica.
• La Chiesa comunione e le strutture di comunione.


Metodologia
Il corso prevede lezioni frontali da parte del docente con la possibilità di intervenire da parte degli studenti.
La verifica dell’apprendimento verterà su di un colloquio orale a partire da un tesario consegnato entro la fine del corso.


BIBLIOGRAFIA
Testi di riferimento:
CASTELLUCCI E., La famiglia di Dio nel mondo. Manuale di ecclesiologia, Assisi, Cittadella, 2009;SARTORI L., La ‘Lumen Gentium’. Traccia di studio, Padova, Edizioni Messaggero, 2006 (Strumenti di scienze religiose).
SEMERARO M., Mistero, comunione e missione. Manuale di ecclesiologia, Bologna, EDB, 2017;
Testi complementari:
DIANICH S., NOCETI S., Trattato sulla Chiesa, Brescia, Queriniana, 2002;
DULLES A., Modelli di chiesa, Padova, Edizioni Messaggero, 2005 (Studi religiosi);
KASPER W., Chiesa Cattolica. Essenza, realtà, missione, Brescia, Queriniana, 2012 (Biblioteca di teologia contemporanea, 157)

.
TEOLOGIA PASTORALE II (20 ore)

prof. don Piero Mandruzzato e prof. don Christian Malanchin
Il corso è composto di due moduli:
Teologia della Carità’ (10 ore)
prof. don Piero Mandruzzato ed Equipe Caritas diocesana


Finalità Generali
Introdurre alla teologia della carità secondo la prospettiva aperta dal Concilio, per una formazione alla pastorale della carità in questo tempo.

Obiettivi Specifici
Mettere a fuoco alcune coordinate fondamentali (il Vangelo, i poveri, la chiesa, il mondo/territorio) e cogliere i significati e le chiamate generati dal loro reciproco incontrarsi.


Blocchi Tematici e contenuti
• I poveri e il Vangelo.
• La Chiesa e i poveri.
• Il territorio e la Chiesa.
• La Caritas: identità e metodo.


Metodologia
Lezioni frontali; laboratori; contributi di esperti.


BIBLIOGRAFIA
BENEDETTO XVI, lettera enciclica Deus Caritas Est, 25 dicembre 2005, Libreria Editrice Vaticana;
FRANCESCO, esortazione apostolica Evangelii gaudium, 24 novembre 2013, Libreria Editrice Vaticana.
Testi consigliati:
FERDINANDI S. (a cura di), L’alfabeto della carità – Il pensiero di Giovanni Nervo, “padre” di Caritas Italiana, Bologna, EDB, 2013 (Fede e annuncio).
È consigliata anche la lettura di testi di Giovanni Nervo.Teologia della famiglia (10 ore)

prof. don Christian Malanchin


Finalità Generali
Approfondire sia dal punto di vista teologicopastorale che pedagogico-esistenziale le sfide che presenta l’esortazione apostolica Amoris laetitia, con un’attenzione particolare alla prassi pastorale dell’accompagnamento e discernimento al matrimonio e dopo il matrimonio.


Obiettivi Specifici
• Riferimento ai testi del magistero.
• Conseguenze operative.


Blocchi Tematici
Il percorso è suddiviso in due fasi:
• Esame della struttura e della logica di Amoris Laetitia, della scelta pastorale in essa contenuta di evangelizzare attraverso l’accoglienza, l’accompagnamento e il discernimento. Il primato della coscienza nel discernimento personale e pastorale.
• Riflessioni teorico pratiche su alcuni ambiti della pastorale familiare, come il discernimento e la cura pastorale dei fidanzati, della
celebrazione delle nozze, la fecondità della chiesa domestica e la cura dell’unione armonica dei coniugi.


Metodologia
Lezione frontale con contributi degli studenti.


BIBLIOGRAFIA
ALCAMO G. (a cura di), Nulla è più esigente dell’amore. La famiglia e le sfide di Amoris Laetitia, Cinisello Balsamo, Edizioni Paoline, 2017;
FRANCESCO, esortazione apostolica Amoris Laetitia,19 marzo 2016.


LITURGIA II (16 ore)
I sacramenti della vita
prof. Giovanni Melzi


Fianlità e obiettivi

Approccio alla teologia sacramentaria come storia della salvezza in atto. Considerazioni storiche e pastorali.


Blocchi tematici e contenuti
Breve introduzione alla teologia dei sacramenti: approcci antropologici, storici e pastorali ai sacramenti con particolare attenzione ai sacramenti della iniziazione cristiana.


Metodologia
Lezioni frontali; PowerPoint; confronto e scambio nel gruppo.
Esame scritto a conclusione corso.


BIBLIOGRAFIA
Verrà fornita nel corso delle lezioni a seconda dell’argomento trattato.


TEOLOGIA MORALE II (20 ore)
prof. Alex Pozzato


Finalità Generali
Scopo principale del corso è quello di fornire la capacità critica nell’ambito della vita fisica e della vita sociale umana avendo chiari alcuni principi di bioetica cattolica e i principi cardine della Dottrina Sociale della Chiesa.


Obiettivi Specifici
Il corso si propone di presentare lo specifico dell’etica della vita fisica (bioetica cattolica) edella morale sociale, mettendo in rilievo alcune questioni dibattute in questi due ambiti, alla luce delle più recenti riflessioni teologico-morali con riferimento ai dati della Sacra Scrittura, della Tradizione e del Magistero.


Blocchi tematici
• Che cos’è la bioetica?
• Quale uomo per la bioetica?
• Questioni di ‘inizio vita’;
• Questioni di ‘fine vita’;
• I fondamenti della morale sociale;
• Per un’etica del ‘sociale’: un possibile fondamento biblico;
• Alcune questioni aperte: globalizzazione, ecologia, comunicazione, diritti universali.


Metodologia
Il corso sarà svolto sulla base di lezioni frontali con supporti didattici multimediali. Verrà data ampia possibilità di confronto in aula. Al termine di ogni blocco tematico verranno consegnati degli appunti con una relativa bibliografia per un approfondimento personale.

BIBLIOGRAFIA
Gli studenti avranno a disposizione le dispense del docente.
Testi per l’approfondimento:
FAGGIONI M.P., La vita nelle nostre mani. Manuale di bioetica teologica, Torino, Edizioni Camilliane, 2009; Pontificio Consiglio della Giustizia e della Pace,
Compendio della dottrina sociale della Chiesa, Città del Vaticano, Libreria Editrice Vaticana, 20043 (Il testo è scaricabile dal sito: https://www.vatican.va/ roman_curia/pontifical_councils/justpeace/documents/rc_pc_ justpeace_doc_20060526_compendio-dott-soc_it.html).


STORIA DELLA CHIESA III (16 ORE)
Storia della Chiesa di Adria-Rovigo
prof. Adriano Mazzetti


Finalità
Le lezioni sulla storia della diocesi di Adria Rovigo prenderanno in considerazione le vicende della comunità cristiana in età medievale, moderna e contemporanea evidenziando il costante rapporto tra Chiesa locale e società polesana.


Obiettivi Specifici
Seguendo un percorso cronologico e con riferimento a numerosi recenti studi saranno illustrate oltre alle origini della Chiesa adriese, le presenze monastiche e le istituzioni di solidarietà che si incontrano nei centri maggiori del Polesine in età medievale e moderna, come pure vicende e figure della storia civile ed ecclesiale locale soprattutto a partire dal Concilio di Trento.
Una particolare attenzione sarà dedicata ai mutamenti territoriali della diocesi avvenuti a fine Settecento e negli anni 1818-1819, al movimento cattolico di fine Ottocento e al percorso della Chiesa adriese dopo il Concilio Vaticano II.


Blocchi Tematici e Contenuti
• Note generali della diocesi di Adria Rovigo.
• Adria, diocesi: Primi documenti.
• Benedettini e Francescani, Ospedali e Confraternite.
• Cinquecento e Concilio di Trento.
• Dal Seicento alla prima metà dell’Ottocento.
• La Transpadana.
• I rapporti Ferrara e Ravenna.
• Tra Otto e Novecento: Mons. Sichirollo.
• Il Concilio Vaticano II in diocesi.

BIBLIOGRAFIA
AGOSTINI F., ROMANATO G. (a cura di), Diocesi di Adria-Rovigo, Giunta regionale del Veneto, 2001 (Storia
religiosa del Veneto, 9).
Il testo, esaurito, è presente in più copie presso la Biblioteca del Seminario di Rovigo.